Terpeni nella Cannabis: l'identità dà carattere.

I terpeni vengono prodotti da molte piante, soprattutto conifere e da alcuni insetti. Sono i componenti principali delle resine e degli oli essenziali delle piante, miscele di sostanze che conferiscono a ogni fiore o pianta un caratteristico odore o aroma.
Nella cannabis i terpeni hanno un ruolo fondamentale, sono quelle biomolecole in grado di donare a ogni pianta o varietà un profilo aromatico differente. Il loro ruolo primario è proteggere le piante da batteri, funghi e parassiti. Questo complesso equilibrio di sostanze volatili, che conta oltre 120 composti, contribuisce a identificare le molteplici varietà di cannabis e i loro effetti.

I terpeni non contengono cannabinoidi, ma di fatto agiscono come modulatori dell'effetto di quest'ultimi potenziandone l'efficacia stimolante o sedativa.

Esattamente come le piante officinali, a seconda della concentrazione maggiore di un terpene rispetto ad un altro, avrà degli effetti diversi: la lavanda, per esempio, contiene alti livelli di "Linalolo", un terpene che agendo attraverso l'olfatto dona al caratteristico profumo di lavanda un effetto calmante e rilassante. Al contrario, un terpene come il "Limonene" ha effetti più stimolanti ed energizzanti.
I terpeni sono usati moltissimo nella farmaceutica, nell'industria biotecnologica, alimentare e cosmetica. Inoltre gli aromaterapisti conoscono e sfruttano i terpeni da diversi anni.
I terpeni agiscono con il CBD, il THC e gli altri cannabinoidi generando effetti benefici superiori a quelli prodotti dall'azione separata delle loro forme isolate, questo effetto è conosciuto come "Effetto Entourage".


Come abbiamo già accennato i terpeni nella cannabis sono oltre 100, in questo primo articolo sui terpeni realizzato da JustMary andremo ad analizzare 5 tra i terpeni più conosciuti e maggiormente presenti nella Cannabis, siete pronti?

 

 

 

MIRCENE:

Il mircene o β-mircene è un terpene che si trova nell'olio essenziale di piante quali la verbena, il mango, la citronella, cannabis indica e la mircia (da cui trae il nome). Il mircene è uno dei più importanti prodotti chimici utilizzati nell'industria dei profumi. Per il suo odore gradevole è talvolta usato direttamente. Nella cannabis e nel luppolo ci sono alti livelli di mircene che con i suoi profumi di "terra", con note muschiate e fragranze ricorda i chiodi di garofano. Inoltre, il mircene emana anche sapori di frutta ed uva rossa, con sentori balsamici e speziati. Tra i potenziali benefici per la nostra salute, il mircene ha la capacità di alleviare i sintomi del dolore cronico e di ridurre le infiammazioni. Esso è uno dei terpeni più comuni nelle varietà di cannabis.

 

LIMONENE:


Dopo il Mircene, il Limonene è un composto chimico presente in molte varietà di cannabis. È incolore a temperatura ambiente e ha un forte odore di arance, limoni o trementina a seconda della composizione chirale. Prende il suo nome dal limone e la buccia del limone che, come gli altri agrumi, contiene grandi quantità di questo composto chimico, in gran parte responsabile dell'odore caratteristico. Insieme al pinene è uno dei principali composti aromatici presenti nella resina delle conifere. L'effetto di questo monoterpene contribuisce a favorire la concentrazione e l'attenzione oltre che promuovere il benessere in generale. Le varietà di cannabis con alti livelli di Limonene sono le Orage,le Lemon e naturalmente le Mandarine, oltre che nella maggior parte delle varietà Haze.


LINALOLO:


Il linalolo è un monoterpene presente abbondantemente nell'essenza di legno di rosa e di linaloe. Si trova libero o combinato negli oli essenziali naturali di coriandolo, basilico, lavanda o bergamotto. Ha effetto sedativo e calmante e viene ampiamente utilizzato nel trattamento degli stati d’ansia e nel controllo di rabbia e nervosismo. Al linalolo sono inoltre attribuite proprietà analgesiche e anti-epilettiche oltre ad effetti calmanti e sedativi tipici di alcune varietà di cannabis.


PINENE:


Il pinene è un composto organico che si trova nella resina di varie conifere e deve il suo nome al pino. Composto alquanto volatile all'aria, il pinene rilascia un gradevole aroma balsamico (odore di resina, odore di legno di pino) volatilizzandosi. Presenta proprietà anti-infiammatorie e antisettiche locali e risulta utile anche come espettorante, favorendo la dilatazione dei bronchi. Migliora inoltre la concentrazione e favorisce l’energia.


BETA CARIOFILLENE:


Il Beta Cariofillene è uno dei terpeni più abbondanti in natura. Lo possiamo trovare nel basilico, nell'origano, nella lavanda, nel rosmarino, nel cumino nero, nella cannella e naturalmente nella cannabis. Il cariofillene è presente ad alti livelli, rappresentando il 25% (o più) della produzione totale di terpeni della varietà di cannabis. È uno dei terpeni di cannabis più dominanti e aiuta a donare alla vostra pianta note ricche, speziate, terrose e pepate. Le ricerche hanno trovato effetti positivi del beta cariofillene nel sollievo dal dolore (analgesia) e nei benefici da riduzioni dello stress e dell’ansia.

 

Questi sono solo cinque degli oltre cento terpeni presenti nella pianta di Cannabis!

Non è incredibile come l'identità genetica di una pianta sia la sua stessa forza? Le caratteristiche ci fanno sentire speciali, esattamente come i terpeni, formano equilibri diversi creando infinite serie di combinazioni e di sentori particolari, in grado di creare per i più sensibili una vera e propria grammatica degli aromi, un nuovo linguaggio legato ai sensi, e alle emozioni.

Italian